Archivio della categoria: The Black Riders and Other Lines – Stephen Crane – Italiano

Questa sezione vuole raccogliere parte di quella che al momento dovrebbe essere l’unica traduzione italiana disponibile di “The Black Riders and Other Lines” dell’autore Stephen Crane (Newark, 1º novembre 1871 – Badenweiler, 5 giugno 1900).
Titolo italiano “I Cavalieri Oscuri ed altri versi”.
Traduzione ad opera di Luca Gini

XX

Un uomo istruito venne a me un giorno.
Egli disse, “Conosco la via, – vieni.”
Ed io fui confortato da questo.
Insieme ci affrettammo.
Presto, troppo presto, noi fummo
dove i miei occhi erano inutili,
e la strada mi era sconosciuta.

Afferrai la mano del mio amico;
Ma lui infine pianse: “Sono smarrito.”

0

III

Nel deserto
Ho visto una creatura, nuda, bestiale,
Che, rannicchiata a terra,
Teneva il suo cuore tra le mani,
E ne mangiava.
Gli chiesi, “E’ buono, amico mio?”
“E’ amaro – amaro,” mi rispose;
“Ma mi piace
“Perché è amaro,
“E perché è il mio cuore.”

1+

X

Possa il vasto mondo rotolare via lontano,
Lasciando dietro di se nero terrore,
Notte senza fine,
Ne’ Dio, ne’ uomo, ne’ un posto dove stare
Sarebbe a me essenziale
Che tu e le tue bianche braccia fossero li,
E quella verso l’oblio una lunga caduta.

0