Poesia “Pandemia”


La città è silente,
immobile,
nessuno parla di
ceppo responsabile,
di antigene,
i rami sono quieti,
la sera d’inverno mite.

Qui non riscontrano,
non richiedono,
non suggeriscono,
c’è solo il cielo sgombro,

e le Pleiadi,
che splendono.


close
Inviamo una mail ogni tanto

Iscriviti, ti notificheremo i nuovi post

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Un commento su “Poesia “Pandemia””

Lascia un commento